Al via le prime misure concrete di attuazione del Piano di azione europeo su sostenibilità e investimenti. Ecco cosa contiene il primo pacchetto di tre proposte di regolamento.

  • Introduzione di una tassonomia delle attività economiche sostenibili, ossia una serie di criteri omogenei per qualificarle come tali e che potrebbe poi essere usata come base per definire degli standard anche per i prodotti finanziari.
  • Trasparenza (disclosure) da parte degli investitori istituzionali e dei consulenti sui rischi e le opportunità legate alle tematiche ESG (Environmental, social e governance).
  • Introduzione di benchmark low carbon e positive-carbon impact per le strategie di de-carbonizzazione dei portafogli e allineamento con gli obiettivi di COP21 sul surriscaldamento terrestre.

In  aggiunta la Commissione ha avviato una consultazione pubblica sull’integrazione dei fattori ESG nell’attività di consulenza finanziaria e assicurativa con l’intento di modificare le direttive Mifid II e IDD (quest’ultima si riferisce alla distribuzione di prodotti assicurativi).

 

Nei giorni scorsi, è stato costituito il gruppo di tecnici che inizierà a lavorare su una proposta di tassonomia, con particolare riferimento al cambiamento climatico. Il team è composto da rappresentanti delle associazioni di categoria, del mondo accademico, della società civile e del settore finanziario. Tra di essi ci sono tre italiani, Sara Lovisolo di Borsa Italiana, Pierfrancesco Latini di Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Paolo Masoni dell’Enea.

About the Author

Related Posts

La sostenibilità e l’investimento sostenibile in genere non rappresentano solo un problema da primo...

Quarto girone de L’Inferno di Dante. Due schiere di dannati spingono faticosamente enormi macigni e...

Se consideriamo gli Stati Uniti come leader mondiale dell’economia e del mercato finanziario,...