Uno dei maggiori enigmi della finanza è il fatto che gli investitori non allocano il loro denaro in modo ottimale sui mercati internazionali, ma sistematicamente preferiscono i titoli del loro paese d’origine. Questo fenomeno è definito home country bias (pregiudizio domestico). Tuttavia, negli investimenti esteri, la cultura del Paese di origine può influenzare in modo significativo la scelta dei mercati su cui investire e anche l’entità e la frequenza dell’investimento. Questo fenomeno è noto come foreign bias (cfr. Chan et al., 2005, o “bias dello straniero”) e ha ricevuto molta meno attenzione di altri bias.

La teoria Geert Hofstede e colleghi distingue alcune dimensioni in grado di catturare differenze interculturali:

  • distanza dal potere – misura in cui le persone credono che il potere e lo status siano distribuiti in modo diseguale e lo accettano come il modo “corretto” di organizzare i sistemi sociali;
  • mascolinità-femminilità – misura in cui una società enfatizza i valori maschili tradizionali (competitività, assertività, auto-realizzazione, ambizione, acquisizione di denaro), rispetto a valori femminili (educazione, assistenza, non mettersi in mostra);
  • individualismo-collettivismo – misura in cui una società enfatizza il ruolo dell’individuo in contrapposizione a quello del gruppo;
  • rifiuto dell’incertezza – misura in cui le persone sono a disagio in situazioni incerte, sconosciute o non strutturate;
  • tendenza a identificare come orizzonte temporale il breve termine piuttosto che il lungo termine.

Uno studio di Beugelsdijk e Frijn (2010) dimostra come, man mano che aumenta la distanza culturale tra gli investitori e i loro titoli azionari, essi investano all’estero con minore frequenza, a causa della crescente difficoltà di interpretare gli ambienti di investimento in mercati culturalmente distanti. Inoltre, gli investitori avversi all’incertezza percepiscono gli investimenti stranieri più rischiosi di quanto non siano realmente e tendono a investirvi meno.

Coloro che provengono da società individualistiche o caratterizzate da forme autocratiche di governo, dove le performance sono attribuite più ad una persona che ad un team, tendono a essere più aggressivi nella loro asset allocation nei mercati esteri. Infine, nazioni che si sentono “vicine” e che hanno in comune la lingua tendono a investire più tra di loro, rispetto a paesi culturalmente più lontani. Questi studi mostrano che l’entità del sotto-investimento nei mercati esteri non è solo una scelta semplice tra mercati nazionali ed esteri, ma anche tra gli aspetti culturali specifici dei paesi.

Testo a cura di Emanuela Rinaldi, Ricercatore in Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Udine e esperta di cultura ed educazione finanziaria, per Mente e Finanza.

Diritto d’autore: unsplash-logoAshley Batz

About the Author

Related Posts

Il benessere del cittadino in Italia dipende da quello che tecnicamente si chiama welfare mix, dove...

Il problema globale dei rifiuti sta diventando sempre più esplosivo, anche se il fenomeno dei...

I più recenti dati commerciali pubblicati dalla Cina a metà ottobre, sono stati inferiori alle...