I materiali sintetici come la plastica sono materiali fantastici. Sono modellabili, resistenti, leggeri, igienici e generalmente economici. Un mondo moderno senza plastica non è più immaginabile, ma le caratteristiche positive hanno anche i loro lati negativi. Le materie plastiche finite nell’ambiente vengono decomposte nel tempo a causa dei fattori esterni, ma la loro struttura chimica rimane inalterata per molto tempo.
Inoltre, gli additivi come plastificanti, stabilizzatori, coloranti, ecc. aggiunti alla plastica contaminano la natura. I residui di dimensioni minime, le cosiddette microplastiche, create dalla frantumazione della plastica, vengono assorbiti dagli organismi viventi e quindi entrano nella catena alimentare. Gli effetti della plastica e dei suoi additivi sull’uomo e sull’ambiente o sull’ecosistema sono molteplici e poco studiati.

Nel 2015 sono stati prodotti circa 400 milioni di tonnellate di plastica in tutto il mondo. Il prodotto di base della plastica è quasi esclusivamente il petrolio o il gas naturale. Le materie sintetiche sono utilizzate in vari settori con vita utile diversa.
La maggior parte, circa il 45%, è utilizzata come materiale da imballaggio, seguita dall’edilizia con circa il 19% e l‘uso come beni di consumo con circa il 12%. Il 90% della plastica è costituito da sei materie sintetiche di base: poliuretano (PUR), polietilene tereftalato (PET), cloruro di polivinile (PVC), polistirene (PS), polipropilene (PP) e polietilene (PE). A seconda del processo produttivo e delle proprietà, il polietilene si può suddividere anche in polietilene ad alta densità (HDPE) e polietilene a bassa densità (LDPE).

Plastica: cosa contiene davvero questo materiale

Per migliorare le proprietà del prodotto si aggiungono i cosiddetti additivi alla plastica. Questi includono plastificanti, ritardanti di fiamma, stabilizzatori termici, riempitivi, coloranti, stabilizzatori e rinforzanti. Un noto additivo è il bisfenolo A, il quale viene aggiunto alle bottiglie in PET da alcuni produttori come stabilizzatore. Il bisfenolo A è sospettato di essere dannoso per la salute.
La vita utile, ovvero il tempo di utilizzo del prodotto, varia a seconda del campo di applicazione e della materia sintetica. Il materiale da imballaggio ha i tempi di utilizzo più corti, in media sei mesi, mentre nel settore delle costruzioni la vita utile più lunga è in media di poco più di 35 anni.

Al termine della sua vita utile, la plastica può essere riciclata, incenerita o depositata in discarica. Da un lato, grazie all’incenerimento è possibile utilizzare l’alta densità energetica della plastica, ma si rilascia anche CO2 che ha un impatto negativo sul clima. Il deposito in discarica non rilascia carbonio nell‘atmosfera, ma nel caso di deposito improprio la plastica finisce nell’ambiente e ha un impatto sulla fauna e la flora.
Nel riciclaggio, la plastica vecchia viene trasformata in plastica quasi nuova, ma si devono considerare varie sfide. I rifiuti di plastica devono innanzitutto essere separati in base al tipo di plastica. Ciò è particolarmente problematico per le materie plastiche che, da un lato, non appartengono alle materie plastiche.

Diversi tipi di plastica sono saldamente legati tra loro, rendendo la separazione estremamente laboriosa e costosa. Inoltre, devono essere rimosse o ridotte al minimo le impurità. Il riciclaggio in sé non può essere ripetuto all’infinito. A seconda della plastica, il materiale dopo un certo numero di passaggi di riciclaggio deve essere degradato all’uso in applicazioni inferiori. In altre parole, da una bottiglia in PET non si può produrne una completamente nuova, quindi, il processo di riciclaggio presenta delle perdite. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che il riciclaggio è considerato il metodo più rispettoso dell’ambiente nell’ambito della gestione dei rifiuti di plastica, anche se l’eliminazione della plastica, sostituendola con sostanze più facilmente degradabili, è naturalmente il migliore. Secondo l’OCSE, per esempio, ogni tonnellata di PET riciclata in alternativa al deposito in discarica consente di risparmiare 1,7 tonnellate di CO2.

Gernot Mayr è Senior Fund Manager di Raiffeisen Capital Management

Diritto d’autore: unsplash-logoJasmin Sessler

About the Author

Related Posts

Dopo una crescita economica in notevole accelerazione nel terzo trimestre, che ha sorpreso alcuni...

L’indice MSCI EM si trova davanti a un’importante zona di resistenza che nell’ultimo decennio ha...

Ogni medaglia ha due facce e questo vale anche per il tema della plastica. Da un lato, la plastica...