Gli indicatori congiunturali più recenti (come i dati sull’occupazione negli USA o le vendite al dettaglio in Germania) hanno contribuito notevolmente al buon umore sui mercati. Il punto più basso raggiunto in aprile è stato superato in molti luoghi e gli sviluppi di maggio e giugno confermano una graduale ripresa,...