I dati macroeconomici delle ultime settimane hanno rafforzato il trend di debolezza che ormai accompagna gran parte delle economie sviluppate e non. A preoccupare è la discesa dell’Indice IFO tedesco, che misura la produttività aziendale, sceso su livelli che non si vedevano dalla crisi del 2008 in concomitanza con la recessione europea e la crisi finanziaria. Ha sorpreso anche il dato dell’indice manufatturiero americano che è sceso sotto la soglia psicologica di 50. Ma se da un lato l’economia rallenta, i mercati finanziari continuano a mostrarsi dinamici e performanti. L’indice Eurostoxx 50, nonostante il dato negativo sulla produttività tedesca, è sui massimi così come resta su livelli alti l’indice Standard & Poor’s 500 americano. I mercati finanziari che sono anticipatori del trend smentiscono quindi i venti di recessione e ci comunicano che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Ma come si spiega questa distonia tra dati macro e di mercato? La market view di ottobre di Raiffeisen Capital Management.

 

About the Author

Related Posts

L’approvazione del Green Deal, il piano di finanza sostenibile con cui l’Unione europea prevede di...

La “zona di resistenza” a novembre 2019 si è rivelata un ostacolo (ancora) troppo alto per i...

Il 2019 si sta avviando alla fine e per i principali mercati azionari potrebbe concludersi con un...