Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, i cosiddetti paesi CE3, stanno andando molto bene rispetto ad altri Paesi emergenti in termini di numero di contagiati e decessi nell’ambito della pandemia da COVID-19. Con contromisure per lo più molto veloci e rigorose finora sembra sia stato possibile contenere efficacemente la diffusione. Tuttavia, la situazione appare meno positiva per l’andamento delle valute e i mercati azionari. Attualmente per la regione si prevede una contrazione economica pari a circa il 5% nel 2020, paragonabile alla crisi finanziaria globale del 2008/2009. Una rapida ripresa dovrebbe comunque compensare questa battuta d’arresto già nel 2021/2022, anche se ci sono naturalmente dei dubbi su questa previsione. Al contrario, molti paesi emergenti in Asia e America Latina dovrebbero subire un calo molto più netto della performance economica rispetto a 12 anni fa.
Ad aprile i mercati azionari dei paesi CE3 si sono ripresi in linea con il trend globale. Il rialzo dei corsi maggiore si è registrato alla borsa di Praga (+10%), seguito dalla Polonia (+9%) e dall’Ungheria (+6%).

Diritto d’autore: Krzysztof Hepner on Unsplash

Related Posts

La Turchia, come molti altri paesi al mondo, ha subito un forte calo dell’attività economica nei...

Nella maggior parte delle economie mondiali la ripresa economica continua, pur con minore slancio....

Il momentum economico positivo in Russia è stato interrotto dallo scoppio della pandemia da...