Il comitato per la crescita e il mercato emergente (GEMC) di IOSCO ha pubblicato il primo febbraio in consultazione il report Sustainable finance in emerging markets and the role of securities regulators che propone 11 raccomandazioni per i membri dei mercati emergenti da considerare quando si emanano norme o orientamenti in materia di sostenibilità e strumenti finanziari. Tra le altre cose, le raccomandazioni propongono criteri per la divulgazione dei rischi specifici di natura ambientale, sociale e di governance (ESG) e hanno l’obiettivo di migliorare la trasparenza.

Le raccomandazioni proposte rientrano nelle seguenti categorie:

  • Integrazione da parte di emittenti ed entità regolamentate di questioni specifiche ESG nel loro complesso propensione al rischio e governance (Raccomandazione 1);
  • divulgazioni e relazioni specifiche per ESG (Raccomandazione 2);
  • Qualità dei dati (raccomandazione 3);
  • Definizione di strumenti sostenibili (Raccomandazione 4);
  • Progetti e attività ammissibili (raccomandazioni da 5 a 9);
  • Integrazione di aspetti specifici di ESG nell’analisi degli investimenti, strategie e governance generale degli investitori istituzionali (Raccomandazione 10);
  • Costruire capacità e competenze per le questioni ESG (Raccomandazione 11).

Diritto d’autore: unsplash-logoGustavo Quepón

About the Author

Related Posts

La pandemia da coronavirus tiene saldamente in pugno la Russia. Finora, si intravedono segnali solo...

Guardando all’andamento dei mercati globali nel 2021, nonostante una performance assolutamente...

C’è un megatrend di investimento fortemente legato alla transizione digitale e al raggiungimento...