In controtendenza con le previsioni della fine del 2018, il primo trimestre del 2019 è stato per il comparto azionario globale tra i migliori in termini di performance dal 2010 e, addirittura, per Wall Street il migliore dal 1998. La cosa sorprendente è che le performance positive del mercato azionario sono state accompagnate anche da un andamento positivo per gran parte delle classi obbligazionarie. Ma che cosa è cambiato in termini di contesto globale rispetto alla fine del 2018? Sono venuti meno alcuni fattori di rischio che avevano condizionato l’ultimo trimestre dello scorso anno. Tra questi ci sono fattori politici (guerra commerciale Usa-Cina, Brexit); macroeconomici come le previsioni in calo sull’inflazione che hanno portato le banche centrali a rivedere le loro strategie sui tassi. In questo clima di sentiment positivo non mancano però fattori di debolezza. La market view di aprile di Raiffeisen Capital Management.

About the Author

Related Posts

Il netto crollo a livello globale dei mercati azionari è stato seguito da una forte ripresa ad...

Nelle ultime settimane il fronte del coronavirus ha rallentato in Europa e in gran parte dell’Asia....

La pandemia Covid-19 è stata definita l’ultimo Cigno nero della storia dei mercati. Erano 12 anni...