Per i gestori di fondi praticare l’Engagement, ovvero la seconda strategia sostenibile per popolarità in Europa, subito dopo l’Esclusione è davvero un’arma in più per dare rendimento al portafoglio. Ad affermarlo è il secondo rapporto elaborato da Eurosif sul mondo che analizza i dati a fine 2018. Secondo i dati Eurosif, la crescita del mercato Sri negli ultimi 8 anni è stata esponenziale raggiungendo in Europa masse pari a oltre 20 mila miliardi di euro di cui 1.500 miliardi in Italia. Ciò che sorprende è il rendimento: secondo dati Eurosif in media nel lungo periodo i fondi Esg hanno un potenziale di performance superiore al 7% rispetto a un fondo non Sri. Al momento la strategia dell’esclusione è utilizzata da oltre il 50% dei fondi venduti in Europa, ma la strategia Engagement è quella che cresce più velocemente, al ritmo del 27% annuo e questo significa che un approccio attivo alla sostenibilità è la nuova frontiere dei gestori.

Dietro l’etichetta Esg ci sono prodotti molto diversi per struttura e strategia. La tassonomia riportata da Eurosif classifica i fondi sostenibili in sette categorie, ognuna delle quali integra i fattori Esg nella ricerca, analisi e selezione dei titoli in portafoglio. L’obiettivo per tutte e sette le strategie è avere il miglior rendimento nel lungo termine, sempre assicurandosi che il comportamento delle aziende che compongono il portafoglio del fondo sia coerente con i criteri dell’Agenda 2030 e crei un beneficio ambientale e sociale ed economico.

About the Author

Related Posts

Attualmente, un numero crescente di esperti sta inserendo le azioni dei mercati emergenti tra le...

Dopo il Green Deal lanciato nelle scorse settimane dalla Commissione europea, anche la Banca...

L’approvazione del Green Deal, il piano di finanza sostenibile con cui l’Unione europea prevede di...