Anche l’Italia ha il suo primo titolo di Stato verde. Si è chiuso il primo collocamento sindacato del Btp Green da 8,5 miliardi di euro con scadenza 30 aprile 2045, affidato ad un pool di banche composto da Bnp Paribas, Crédit Agricole,  Intesa Sanpaolo, JP Morgan e NatWest Markets. Il nuovo titolo extra-lungo è “dedicato al finanziamento delle spese sostenute dallo Stato a positivo impatto ambientale”. La domanda è stata di circa 80 milardi di euro.
Nelle ore precedenti all’annuncio del via all’emissione abbiamo parlato con Giuseppe Santorsola, Professore Ordinario di Asset Management e Investitori Istituzionali e Corporate&Investment Banking all’Università Parthenope di Napoli, per capire pro e contro del primo green bond italiano.

Diritto d’autore: Photo by Greg Rosenke on Unsplash

About the Author

Related Posts

Le small cap, ovvero le società a piccola e media capitalizzazione, fino ad oggi hanno fatica a...

Quando il “cittadino medio” in Europa, Nord America o Giappone pensa al pagamento senza contanti, lo...

Il primo trimestre del 2021 è stato deludente per le azioni dei paesi emergenti. Del sostanziale...