Siamo positivi sui mercati emergenti per la seconda metà dell’anno: ci aspettiamo che restino forti ma in modo disomogeneo. Riteniamo infatti che le condizioni dei singoli paesi emergenti siano molto diverse; paesi come la Corea del Sud o Taiwan, con il loro forte posizionamento nel settore tecnologico da un lato e la loro stabilità politica dall’altro, si trovano chiaramente in una posizione più favorevole, rispetto per esempio al Sudafrica o al Brasile. Nel complesso vediamo la propensione al rischio verso i mercati emergenti completamente intatta. Gli ampi flussi di fondi verso le azioni dei mercati emergenti dimostrano questa visione.

Mercati emergenti: non sono queste Borse a trainare la ripresa

È importante però dire che i paesi emergenti non sono alla guida di questo mercato rialzista globale. Lo sono invece i mercati sviluppati e in particolare gli Stati Uniti. Ciò significa che la direzione generale delle azioni dei mercati emergenti è – almeno per ora – influenzata principalmente dai mercati del mondo sviluppato. Un parametro di rischio molto importante per gli emergenti è il dollaro USA. In generale si può affermare che più forte è il dollaro rispetto alle valute emergenti, più debole è la performance di questi mercati. Ci aspettiamo tuttavia che il dollaro USA rimanga su un percorso di leggero indebolimento per ora.

Commento a cura di Leopold Quell, gestore del team CEE & Global Emerging Markets di Raiffeisen Capital Management

Diritto d’autore: Photo by Jon Tyson on Unsplash

Related Posts

Dopo che i dati congiunturali della Cina hanno ripetutamente deluso le aspettative negli ultimi...

Le azioni dei paesi emergenti hanno iniziato l’anno con vigore, hanno però perso slancio poco dopo,...

Siamo tutti metaforicamente su una stessa barca, il nostro pianeta, e – potendo prescindere per un...