Il governo indiano ha adottato misure più o meno severe di quarantena e di lockdown e le ha già estese più volte per rallentare la diffusione della pandemia da COVID-19. Le statistiche ufficiali mostrano che finora hanno avuto un certo successo. Tuttavia, per milioni di indiani, un lockdown vero e proprio e il mantenimento delle distanze è quasi impossibile, il che solleva, tra l’altro, la questione se la diffusione delle infezioni sia stata effettivamente rallentata come sostenuto ufficialmente, e quanto senso abbiano i lockdown, se è possibile farcela anche senza rispettarli rigorosamente? Indipendentemente da ciò, le conseguenze economiche e sociali di queste misure sono molto più pesanti che nei paesi sviluppati. Oltre cento milioni di posti di lavoro sono andati perduti temporaneamente o definitivamente e i mezzi di sussistenza di ampie fasce della popolazione sono stati o rischiano di essere distrutti.

India: lanciato programma di aiuti di 270 miliardi di dollari

Il governo indiano ha annunciato un programma per circa 270 miliardi di dollari (quasi il 10% del PIL) per sostenere soprattutto le piccole e medie imprese e i gruppi a basso reddito. In questo modo si spera anche di incrementare al 4-5% la crescita zero che si sta profilando nell’anno fiscale appena iniziato. Questo va di pari passo con gli appelli per l’acquisto maggioritario di beni di produzione del paese per rafforzare soprattutto i cicli economici nazionali. Ad aprile il mercato azionario indiano è stato tra i più forti in assoluto. L’aumento di oltre il 14% ha rappresentato il più alto guadagno mensile da oltre otto anni.

Diritto d’autore: Photo by Debashis Biswas on Unsplash

Related Posts

La Turchia, come molti altri paesi al mondo, ha subito un forte calo dell’attività economica nei...

Nella maggior parte delle economie mondiali la ripresa economica continua, pur con minore slancio....

Il momentum economico positivo in Russia è stato interrotto dallo scoppio della pandemia da...