Nel trimestre finale del 2020 l’economia cinese è evidentemente cresciuta in misura ancora maggiore delle attese generali. Già da tempo era chiaro che nel 2020 il Paese sarebbe stato l’unico tra le grandi economie a mostrare una crescita reale nonostante la pandemia.
Il valore del 2,3% è però sorprendentemente buono. Nel quarto trimestre 2020 l’economia cinese è cresciuta di un sostanzioso 6,5% annuo, soprattutto grazie alla forte produzione industriale, trainata da una dinamica delle esportazioni ancora elevata e da agevolazioni di credito mirate specificamente al comparto produttivo.

Il segreto di una ripresa rapida in pandemia

A guidare questa forte crescita è stato senza dubbio il successo cinese nella lotta alla pandemia, che ha permesso di riavviare rapidamente l’economia senza i logoranti lockdown a intermittenza visti in numerosi altri Paesi. Ciononostante, recentemente anche in Cina si è assistito a un significativo rialzo delle nuove infezioni. Comunque si prevede che la Cina controllerà bene anche questa situazione grazie al suo armamentario di chiusure ad ampio raggio, test di massa, quarantene e tracciamento delle catene di contagio. Sono tuttavia possibili rischi per l’imminente Capodanno cinese e l’imponente mole di viaggi che questa festività comporta.
I mercati azionari cinesi sono leggermente saliti a dicembre, tuttavia, in misura molto inferiore alla media dei Paesi emergenti. Le azioni A sulla terraferma sono rincarate del 2,4% circa e le azioni H a Hong Kong di quasi il 2%.

Diritto d’autore: Photo by Nick Fewings on Unsplash

Related Posts

Le misure di contenimento hanno avuto un impatto negativo sulla crescita economica dell’Eurozona nel...

Siamo positivi sui mercati emergenti per la seconda metà dell’anno: ci aspettiamo che restino forti...

I nuovi piani di investimenti sulle infrastrutture negli Stati Uniti e nell’Unione Europea aprono...