La Fed e il mercato hanno sottovalutato le pressioni inflazionistiche derivanti dalle dislocazioni dell’offerta nei mercati globali dei beni a causa della pandemia e la velocità della ripresa del mercato del lavoro grazie al massiccio sostegno fiscale e monetario. Di conseguenza, la banca centrale USA ha annunciato un cambio di rotta e l’inizio di un ciclo di inasprimento relativamente aggressivo, compreso un aumento di 50 punti base a marzo, seguito da ulteriori rialzi a maggio e giugno. Altri due rialzi sono poi probabili nel terzo e quarto trimestre di quest’anno. Inoltre, la dimensione del bilancio, a partire da metà anno in poi, sarà ridotta in media di 80 miliardi di dollari al mese, non reinvestendo i titoli del tesoro in scadenza e i mutui. L’obiettivo finale del bilancio dovrebbe essere una combinazione di eccedenze di riserve bancarie e una dimensione assoluta del bilancio rispetto al PIL nominale simili al livello prima della pandemia (circa il 20% del PIL). Questo livello verrebbe probabilmente raggiunto nel 2025.

La BCE vede l’economia, incluso il mercato del lavoro, continuare a riprendersi in modo robusto, mentre l’incertezza diminuisce ulteriormente. Le aspettative sull’ inflazione di base sono in crescita e le aspettative deflazionistiche sostenute a lungo dagli agenti economici nell’economia reale sono crollate. Più a lungo i tassi d’inflazione resteranno sui livelli attuali, più alta sarà la probabilità che producano effetti di secondo impatto. La crescita dei salari nell’Eurozona rimane bassa rispetto agli Stati Uniti e al Regno Unito, ma ci aspettiamo un graduale incremento nel corso del 2022. Di conseguenza, ci aspettiamo che la BCE ritenga soddisfatte le sue tre condizioni necessarie per avviare il rialzo dei tassi di interesse prima della fine di quest’anno. Ci aspettiamo che la banca centrale elimini gradualmente i suoi acquisti netti di asset al più tardi a settembre 2022 e che aumenti il tasso di deposito di 25 punti base a dicembre 2022.

Christian Zima, è gestore Rates & FX di Raiffeisen Capital Management

Diritto d’autore: Photo by Rishabh Dharmani on Unsplash

About the Author

Related Posts

Dopo le forti perdite registrate in agosto e settembre, le azioni sono di recente riuscite a...

La mancanza di dati è spesso la ragione per cui l’analisi ESG professionale di aziende e Paesi si è...

I principali fornitori di indici finanziari hanno in gran parte rimosso le società russe dai loro...